matteo fossi - privacy

Informativa ai sensi dell'Art.13 del d.lgs. 196/03

Desideriamo informarLa che i Suoi dati personali, raccolti tramite iscrizione o prenotazione, saranno utilizzati da parte di matteofossi.com, nel pieno rispetto dei principi fondamentali, dettati dal decreto legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 Codice in materia di protezione dei dati personali.

Operazioni di trattamento dei dati personali e relativa finalità

Di seguito, Le riepiloghiamo tutte le operazioni da noi svolte che implicano raccolta, conservazione od elaborazione dei Suoi dati personali, e gli scopi che perseguiamo con ciascuna di esse:
- raccolta e conservazione dei Suoi dati personali al fine di fornirle le più recenti news ed informazioni
- utilizzo dei suoi dati per finalità di marketing e promozionali sui servizi da noi proposti

Il conferimento del consenso al trattamento dei dati personali è necessario. In caso di rifiuto alla prestazione del consenso non ci sarà possibile erogarLe i servizi indicati al punto precedente.
In caso di rifiuto del consenso non vi sarà alcuna conseguenza.

Soggetti a cui possono essere comunicati i dati

I dati saranno comunicati a:
Matteo Fossi
e a eventuali incaricati nominati dal Responsabile del Trattamento (art.29 del D.Lgs. 196/03)

Diritti di cui all'Art. 7 del D.Lgs. 196/03

Lei ha diritto di aggiornare, modificare, cancellare i suoi dati Lei ha diritto di aggiornare, modificare, cancellare i suoi dati scrivendo al seguente indirizzo email:
info@matteofossi.com

Titolare e responsabile del trattamento è Matteo Fossi

Le eventuali istanze ai sensi dell'art. 7 del D. Lgs. 196/03 dovranno essere indirizzate a:
info@matteofossi.com

Il Responsabile Unico ai sensi dell'art.29 del D.Lgs. 196/03 è:
Matteo Fossi


in evidenza

Schubert de l'unité au fragment

Dopo le due uscite discografiche per Hortus dedicate a Brahms e a Schumann, Matteo Fossi si dedica ad un altro autore di cui ha eseguito in questi anni l’integrale cameristica: Franz Schubert. E lo fa in un originale e inedito percorso dall’unità al frammento.
Dal brano pianistico forse più “compatto” e monumentale di Schubert, la Wanderer-Fantasie op.15, si passa infatti a pezzi via via più frammentati (e tormentati): i tre meravigliosi Klavierstücke D 946, raccolti insieme da Brahms, forse dovevano rappresentare, in origine, il terzo ciclo di Improvvisi schubertiani; la Sonata D 840 consta soltanto di due movimenti, e rimase incompiuta; della Sonata D 571, infine, restano soltanto l’esposizione e un frammento di sviluppo del primo movimento. E’ come se Schubert, gradualmente, si richiudesse in se stesso.

Segue